Super prezzo. Il risparmio per tutta la famiglia

Migliore stufa a pellet silenziosa

Per trovare la migliore, ci si può basare sull’origine, sull’età o sulla fascia di prezzo che ogni marchio offre. Se non hai tempo, ecco la migliore stufa a pellet silenziosa:

Stufa a pellet Fiorina 74 da 8 kw (Rosso)
  • Stufa a pellet Fiorina 74 da 8 kw 

 

Migliore stufa a pellet silenziosa

Quali sono i criteri per scegliere il marchio migliore?
Esistono oltre 70 marche di stufe a pellet sul mercato. Per orientarvi in questa giungla, scoprite tutti i criteri che possono far pendere l’ago della bilancia. Tutto ciò che dovete fare è scegliere con cognizione di causa!

L’origine e l’età del marchio
L’età di un marchio comporta grandi vantaggi: esperienza, affidabilità e qualità. Come Invicta, fondata quasi 100 anni fa, nel 1926, i marchi che esistono da decenni hanno avuto il tempo di testare e sviluppare i loro prodotti per renderli sempre migliori.

Anche il paese di origine del marchio può essere una garanzia di qualità. Ad esempio, l’Italia è rinomata per la sua competenza nella produzione di apparecchiature a legna. Come stufe a pellet Palazzetti, Ravelli, Diadema, Nordica.

La produzione di stufe di marca
Dietro a una marca di stufe non si trova necessariamente un produttore. Ogni azienda opera in modo diverso e le categorie principali sono tre:

I marchi che producono: garantiscono l’intero ciclo di produzione della stufa. Si tratta di marchi che producono i componenti nelle loro fabbriche, li assemblano e poi li distribuiscono.

Marchi assemblatori: questi marchi saltano un passaggio, acquistano i loro pezzi e poi li assemblano e distribuiscono le apparecchiature a loro nome.

Marchi di distribuzione: questi marchi acquistano stufe a pellet già assemblate e le rivendono con il loro marchio.

 

  • #1 Migliore stufa a pellet silenziosa: Stufa a pellet Fiorina 74 da 8 kw

migliore stufa a pellet silenziosa fiorina

IL PIU' VENDUTO 1
Stufa a pellet Fiorina 74 da 8 kw (Rosso)
  • Stufa a pellet Fiorina 74 da 8 kw 

La stufa ha un’ottima resa è accesa tutto il giorno e non consuma molto, scalda benissimo. Ottima stufa pellet dal costo non eccessivo, stupendo la possibilità di programmare gli orari di accensione e spegnimento mattina e sera, la utilizzo per riscaldare sala cucina e bagno al piano terra con impostato 18 gradi, praticamente ho sempre 21,5 gradi in ambiente con stufa sempre in funzionalità eco. Facile anche da pulire, e se si usa buon pellet si può pulire anche ogni tre giorni.

Stufa a pellet Fiorina 74 da 8 kw  Resa termica del 92,7%. Riscalda ambienti fino a 200 m3 La stufa a pellet Fiorina 74 della Qlima (ex Zibro) ha un ottimo rapporto qualità-prezzo e si presenta in tre varianti di colore. È provvista delle più moderne funzioni che consentono un utilizzo semplice e pratico, per poter gestire il calore proprio secondo le vostre esigenze.

Programmabile, a stadi giornalieri e settimanali, con ripetizione in automatico del giorno precedente. Una stufa a pellet con alti standard di sicurezza La stufa a pellet Fiorina Qlima (Zibro) garantisce un funzionamento sicuro grazie ai vari sensori di cui è dotata: anti-surriscaldamento controllo uscita fumi termostato.

Gli extra comfort della Stufa a pellet Fiorina telecomando modalità economy recupero ceneri funzione turbo pulizia automatica del crogiuolo Grande resa termica e risparmio assicurato con le detrazioni fiscali Un’altra prerogativa della stufa a pellet Fiorina74 è una resa termica particolarmente elevata, 92,7%; una convenienza non soltanto per l’elevata efficienza assicurata ma anche perché permette di usufruire dei benefici offerti dalla Detrazione Fiscale.
 
⭐⭐⭐⭐⭐
Stufa arrivata con 6 giorni di anticipo. Compatta, facile da installare. Scalda benissimo e consuma pochissimo pellet. Silenziosa e facile da pulire! Se ne dovessi aver bisogno ancora, riprenderei questa sicuramente!.

Leggi altre opinioni

 

Altre stufe a pellet trovate:

1.700,00€
disponibile
as of 1 Dicembre 2022 11:46 AM
Amazon.it
1.600,00€
disponibile
as of 1 Dicembre 2022 11:46 AM
Amazon.it
1.999,00€
disponibile
as of 1 Dicembre 2022 11:46 AM
Amazon.it
3.460,00€
disponibile
as of 1 Dicembre 2022 11:46 AM
Amazon.it
2.200,00€
disponibile
2 new from 2.200,00€
as of 1 Dicembre 2022 11:46 AM
Amazon.it
1.727,00€
disponibile
2 new from 1.727,00€
as of 1 Dicembre 2022 11:46 AM
Amazon.it
3.450,00€
disponibile
2 new from 3.450,00€
as of 1 Dicembre 2022 11:46 AM
Amazon.it
3.990,00€
disponibile
as of 1 Dicembre 2022 11:46 AM
Amazon.it
3.650,00€
disponibile
as of 1 Dicembre 2022 11:46 AM
Amazon.it
3.790,00€
disponibile
2 new from 3.790,00€
as of 1 Dicembre 2022 11:46 AM
Amazon.it
Ultimo aggiornamento il 1 Dicembre 2022 11:46 AM

 

Quali sono gli aspetti da considerare per acquistare la migliore stufa a pallet silenziosa?

Le stufe a pellet hanno generalmente un livello di rumore molto basso, di solito non superiore a 50 dB. A causa del fatto che la combustione avviene costantemente quando la stufa è accesa, questa piccola vibrazione o suono viene prodotto in ogni momento, anche se si tratta di un livello di rumore assolutamente tollerabile e alcuni lo considerano addirittura rilassante. Detto questo, può accadere che alcuni aspetti ed elementi della stufa generino più rumore rispetto al resto.

Non c’è niente di più fastidioso del rumore, e peggio ancora se si tratta di una stufa a pellet rumorosa all’interno della nostra abitazione, che è il luogo in cui trascorriamo la maggior parte del nostro tempo e in cui ci aspettiamo di riposare. La cosa peggiore è che dobbiamo tenerla accesa per un tempo sufficiente a riscaldarsi e produce molto rumore.

Perché produce così tanto rumore, c’è qualcosa che si può fare per ridurre il rumore della nostra stufa, come posso evitare di acquistare una stufa a pellet rumorosa?

stufa a pellet silenziosa duchessa

Ventole: questa è una delle sezioni chiave che tende a presentare i maggiori problemi quando si tratta di creare rumore. Per ridurlo, o almeno renderlo meno fastidioso, è possibile sostituirli con modelli di qualità superiore ed evitare un rumore eccessivo.
Turbine / Potenza: turbina e potenza vanno solitamente di pari passo quando si parla di rumore nelle stufe a pellet. L’aria circola ad alta velocità attraverso le turbine, che aumenta con l’aumentare della potenza. In breve, maggiore è la potenza, maggiore è il rumore generato dalla caldaia.
Sporco: se questo fattore è presente, è necessario pulire accuratamente la camera del pellet. L’accumulo di cenere può compattarsi in alcuni punti della stufa, soprattutto nelle pale dell’estrattore, aumentando così il rumore prodotto dall’apparecchio.

Questo perché le turbine producono decibel mentre lavorano ed espellono l’aria calda, che causano il rumore e rendono rumorosa la vostra stufa a pellet. Pertanto, il prezzo della vostra stufa a pellet può dipendere dal livello di rumore che produce. Ci sono alcuni negozi che facilitano la decisione dell’acquirente; hanno un luogo in cui è possibile provare le diverse marche di stufe il cliente può valutare se gli piace o meno e fare la sua scelta.

stufa a pellet silenziosa idro

C’è una cosa che si può fare per ridurre il rumore, è abbassare la velocità delle ventole; questa è l’unica opzione che si può scegliere se si è già acquistata la stufa a pellet, ma se non l’avete ancora comprata avete molti vantaggi, perché potete chiedere al venditore, riferimenti sui decibel e anche andare nei negozi dove potete vederla in funzione. Anche se alcuni pensano che se si inseriscono tubi isolati nella stufa, si può ridurre il rumore, questo non è vero.

 

Perchè le stufe a pellet non sono silenziose come quelle a legna?

Livello di rumore generato da una stufa a pellet.
A causa del suo design, una stufa a pellet non può fare a meno di generare rumore. 
Nel mercato odierno ci sono marche che hanno modelli “silenziosi”, ma naturalmente si tratta di prezzi più elevati.

Quindi, così come non possiamo impedire che la cenere venga generata dalla combustione, non possiamo impedire che venga prodotto del rumore, e questo è dovuto al funzionamento delle parti.

I principali da tenere in considerazione sono i seguenti:
Coclea di alimentazione.
Convettore di ventilazione.
Estrattore di fumo.

stufa a pellet silenziosa palazzetti 2

Tuttavia, se sospettiamo che la ventola generi più rumore di quanto vorremmo, e in base a diversi fattori, possiamo controllare diversi punti per determinarne la causa.

Modalità operativa
Oggi, per comodità dell’utente, questi dispositivi sono programmati con le seguenti modalità operative: automatica e manuale.

Modalità automatica.
La modalità automatica offre una grande semplicità d’uso, poiché è sufficiente programmare la temperatura di comfort, accendere e spegnere la stufa. La stufa si regola in base alla temperatura impostata.Questa modalità di solito genera rumore durante i primi momenti di funzionamento.

Il principio di funzionamento è molto semplice: si imposta una temperatura di utilizzo (23ºC, ad esempio) e non è più necessario toccare la stufa. La stufa sarà impostata sul funzionamento massimo fino a quando non verrà raggiunta questa temperatura nel più breve tempo possibile. Una volta raggiunta questa temperatura, passerà alla temperatura minima finché non rileverà che la temperatura è scesa sotto i 23ºC precedentemente programmati.

stufa a pellet silenziosa palazzetti

Modalità manuale.
Questa modalità è davvero la più adatta per ottimizzare il funzionamento di una ventola, solo che l’utente deve raggiungere le abitudini d’uso appropriate.
È noto che molti utenti, per paura di “non controllare” la ventola, evitano di manipolare i comandi. Va tenuto presente che questi controlli (accensione e spegnimento, accensione e spegnimento, impostazioni di data e ora, programmazione giornaliera…) sono stati progettati proprio per essere manipolati dall’utente; pertanto, non rappresentano un grosso problema, in quanto si tratta di controlli facilmente richiamabili.

In questa modalità manuale, è l’utente a “controllare” la stufa e il suo funzionamento. Il vantaggio principale di questa modalità è che è l’utente stesso a decidere quando aumentare o diminuire la potenza del ventola.
In questo modo, l’utente decide quando la ventola farà più rumore.

È vero che di solito l’utente accende la ventola quando si accorge che fa freddo. Tuttavia, ciò può verificarsi anche al di fuori dei giorni in cui fa freddo.

Tuttavia, è interessante sfruttare una proprietà fisica del calore: l’accumulo. Finché non ci sono perdite (fessure e punti in cui può fuoriuscire), il calore si accumula nella stanza (e, a seconda dell’infrastruttura della casa, si distribuisce in misura maggiore o minore).

Così, grazie alla modalità manuale e anticipando le ore più fredde della giornata, nulla ci impedisce di accendere il nostro ventola a media o addirittura a bassa potenza, in modo da avere già il calore “pronto” prima del momento più freddo della giornata.

Naturalmente, possiamo anche utilizzare la potenza massima in qualsiasi momento. Anche al momento dell’accensione, se il rumore generato non costituisce un problema in quel momento.

Giocando con le impostazioni di potenza, abbiamo la possibilità di scegliere come riscaldare la nostra stanza:
su un periodo di tempo più lungo e in modo graduale.
in tempi più brevi e alla massima potenza.
L’unico svantaggio di questa modalità è che bisogna aumentare o diminuire manualmente la potenza in base alle proprie esigenze.

Dimensionamento della stufa
Se in modalità manuale dobbiamo mantenere la ventola sempre alla massima o alla minima potenza, abbiamo un problema e dobbiamo sempre tenere presente che l’eccesso è negativo quanto il difetto.

ventola sovradimensionato (troppo potente)
Molte persone commettono l’errore di volere un ventola molto potente, persino più potente di quanto sia necessario.
Va tenuto presente che anche alla minima potenza, le ventole girano comunque.

Ciò significa che un ventola più grande, anche a potenza minima, può diventare troppo caldo e costringere l’utente ad aprire le finestre o ad accendere e spegnere continuamente il ventola (con conseguenti problemi di funzionamento).

ventola sottodimensionato (potenza insufficiente)
D’altra parte, una stufa più piccola potrebbe essere sottodimensionata e non raggiungere mai un calore sufficiente. Un modo semplice per verificarlo è controllare in modalità automatica se raggiunge la temperatura programmata (i 23ºC di cui sopra). Se la stufa non raggiunge questa temperatura, funzionerà sempre alla massima potenza.
In questo modo, consumerà molto carburante ma non potrà sfruttare il calore generato.

È quindi importante ottenere una consulenza professionale adeguata prima di acquistare un impianto di riscaldamento.
Si possono dare tutte le spiegazioni tecniche possibili, ma solo due sono quelle principali: la potenza massima e la potenza nominale.

Quello che ci interessa veramente sapere è capire che i calcoli teorici possono darci un fabbisogno di riscaldamento di 9 kW, ma questo non significa che avremo bisogno di una stufa con 9 kW di potenza, bensì di più.

Che rumore deve fare una stufa a pellet?

È importante sapere che il rumore di una stufa a legna e di una stufa a pellet non è lo stesso.

Il rumore di una stufa a pellet può provenire da diverse parti: la coclea che alimenta l’apparecchio, la ventola di estrazione dei fumi o la ventola di convezione possono essere la causa del disturbo. La potenza del soffiatore può essere regolata per ridurre il rumore. Tuttavia, ogni parte che emette rumore è necessaria per il corretto funzionamento della stufa a pellet, che quindi non può essere perfettamente silenziosa. In media, si stima che una stufa a pellet produca tra i 45 e i 55 decibel di rumore, l’equivalente di una lavatrice. Occorre inoltre considerare che le fasi di accensione e di estinzione sono più rumorose.

Una stufa a legna che funziona per irraggiamento è più silenziosa. Soprattutto perché non ha un motore elettrico per caricare il combustibile, a differenza della stufa a pellet.

Articoli consigliati:

Stufa elettrica per riscaldare 40 mq

Stufe elettriche a basso consumo

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on twitter
Twitter